Patentino per Metal Detector in Veneto

Patentino per Metal Detector in Veneto

E’ vero che in Veneto per usare il Metal Detector serve un Patentino?

Di solito, quando ricostruisco un articolo da una vecchia discussione del Forum, prelevo più parti del discorso o, talvolta, creo un articolo guida addirittura da più conversazioni, prese cioè da più di un topic. Questa volta, l’argomento era davvero interessante e nonostante vi fossero un’unica domanda ed un’unica risposta ho voluto comunque creare questo articolo che stai leggendo in quanto reputo queste informazioni davvero molto importanti per tutti coloro che vogliono effettuare le proprie ricerche, con il metal detector, in Veneto.

Bestseller No. 1
Nokta Makro Simplex Metal detector impermeabile con bobina da 28 cm
  • IP68: si può immergere completamente fino a 3 metri ed è sigillato dalla polvere.
  • Volume del ferro: la sensibilità al basso contenuto di ferro può essere regolata o azzerata.
  • Discriminazione dei sensori: rileva e identifica i metalli indesiderati.
  • Modalità di ricerca: tutti i metalli/in un campo/al parco/in spiaggia.
  • Favolosa illuminazione per uso notturno e subacqueo: il Simplex+ ha tutto ciò di cui avete bisogno, retroilluminazione LCD, retroilluminazione del tastierino e torcia LED.

Come funziona il patentino in Veneto?

Domanda:

Salve a tutti, qualcuno sa spiegarmi se nel Veneto si sa niente sui patentini per recuperanti? ho sentito che hanno varato in nuovo regolamento per la regione e si dovrà avere questo patentino. Se fosse così cerco associazione nella mia zona. Vi ringrazio già adesso delle delucidazioni.

Risposta:

Ciao, il patentino dei recuperanti serve per tutelare i beni della grande guerra, la natura dove sono sepolti, e farti riconoscere come ricercatore .
Il patentino ti permette l’utilizzo di strumenti di ricerca ( metal detector, ecc) e il recupero di materiali della ww1.
In caso di controlli sei tutelato per il materiale raccolto, escluso materiale bellico esplodente non inerte.
Altra cosa, il regolamento vieta qualunque forma di scavo!!
Ciò che trovi, dovrebbe essere frutto solamente di leggeri movimenti del terreno, senza l’ausilio di picconi, vanghe, ecc.
In ogni caso, nelle zone dichiarate musei a cielo aperto, beni dell’Unesco, zone archeologiche ( monte Ortigara per esempio) non puoi effettuare nessun tipo di ricerca.

 

Dalla domanda quindi si evincono i dubbi di un neofita che conosce in parte il regolamento. In effetti è vero, in Veneto, a causa della possibilità di recuperare oggetti pericolosi appartenuti alla prima guerra mondiale o alla seconda guerra mondiale è necessario essere in possesso di un patentino.

E’ giusto ricordare che il patentino non autorizza il ricercatore ad effettuare le proprie ricerche nelle aree a vincolo paesaggistico o archeologico. Per conoscere quali sono le aree interdette ai metal detectoristi si dovrà quindi visionare con accuratezza il Piano Territoriale della Regione Veneto.